• Casa
  • |
  • Blog
  • |
  • Fiocco rosa o azzurro? I 15 modi per capire il sesso del nascituro

Fiocco rosa o azzurro? I 15 modi per capire il sesso del nascituro

Hai fatto il test di gravidanza e sono apparse due lineette...

E cosa fa la tua mente?
Inizia a fantasticare e a domandarsi se sarà un maschietto o una femminuccia

Almeno, io ho fatto così!

Cercavo i cosiddetti "segnali" che mi potessero indicare l’uno o l’altra.

Chiaramente l’importante è che il piccolo embrione stia bene ma, come si dice, la curiosità è donna!

I test scientifici per definire il sesso del feto

Partiamo dalla consapevolezza che solamente i test scientifici possono dirci, con certezza ormai quasi assoluta, il sesso del nostro piccolino.

La scienza negli ultimi anni si è evoluta sempre di più e ora, con un semplice prelievo di sangue, è possibile andare a verificare la totalità delle 23 coppie di cromosomi.

Io, per esempio, per entrambe le gravidanze ho fatto il test del DNA fetale e ho saputo il sesso del feto già alla fine del terzo mese.

Due patatine! Mio marito era strafelice, ha sempre detto che lui era fatto per avere delle figlie femmine 🙂

Conoscere il sesso del nascituro: i consigli della nonna

Ci sono delle leggende popolari molto carine che voglio condividere con te su come scoprire il sesso del tuo cucciolino già dai primi mesi di gravidanza.

Sono le vecchie storie che venivano tramandate di famiglia in famiglia.

Alcune sono molto bizzarre, altre più semplici, ma sono sicura che almeno una l’avrai già sentita da qualche parte.

Ecco una lista di 15 metodi per provare a scoprire chi nascerà:

1. Guarda la forma della pancia

Pancia a punta e bassa: è maschio.

Pancia alta e distribuita più a livello addominale: è femmina.

Io in entrambe le gravidanze ho avuto la pancia a punta.

E ti ricordi cosa ho avuto? (due femmine!) 😉

Sai quante volte ho incontrato persone che mi dicevano che ero incinta di un maschio e, nonostante dicessi che avevo fatto il test del DNA, non erano convinte? Eh, la forza delle vecchie abitudini...

2. Fai il test del pendolino d’oro

Lega a un filo una fede o un anello d’oro a cui tieni molto, sdraiati e chiedi al tuo compagno di posizionarlo sopra la pancia.

Se inizia a oscillare avanti e indietro sarà maschio, mentre se i movimenti sono circolari stai aspettando una femmina.

Dicono che il top sia usare un capello del futuro papà come filo.

3. Misura il tuo seno

La giornalista e scrittrice Jena Pincott sostiene che se il tuo seno aumenta di 8 cm durante la gravidanza significa che avrai una bimba, mentre se non supera i 6,3 cm sarà sicuramente un maschietto.

Detto fra noi mi sembrano dei numeri un po’ esagerati, ma mai dire mai.

A me, per fortuna o sfortuna, il seno non è cresciuto così tanto, nonostante io abbia avuto due femmine.

4. Controlla il calendario cinese

I cinesi hanno ricostruito una tabella basandosi su un documento ritrovato in una sepoltura reale vicino a Beijng ormai più di 770 anni fa.

La percentuale di attendibilità è altissima, perché vicina al 93%. 

Sembra che, nonostante siano passati ormai secoli, questo rimanga uno dei metodi più tradizionali per tentare di determinare il sesso del nascituro.

In cosa consiste?

È molto semplice: basta incrociare l’età della mamma al momento del concepimento con il mese dello stesso.

Visto che sono curiosa ho provato a farlo ora. 

Ne ha azzeccata una su due...

5. Verifica se il tuo compagno sta aumentando di peso

Se il futuro papà ha messo su qualche chiletto e si intravede un po’ di pancetta... allora avrete una femmina. Mah, sarà per questo che nascono così tante femmine! 😉

6. Segui il calendario lunare

La fase lunare al momento del concepimento influisce sul sesso del nascituro.

Luna crescente? Molto probabilmente sarà maschio.

Luna calante? Femmina, che discorsi!

7. Fai il test del bicarbonato di sodio

Questo metodo è veramente strano.

Fai la pipì in un bicchiere e aggiungi 2 o 3 cucchiaini di bicarbonato.

Il tuo mix inizia a fare le bolle? Prepara il corredino azzurro!

Se tutto rimane fermo, invece, sarà una patatina.

8. L’esperimento dell’olio

Metti qualche goccia di olio nella parte più sporgente della tua pancia.

Scivola via rapidamente? È un maschietto!

9. Prova il calendario Maya

I Maya famosi per essere esperti di astronomia, tenevano in grande considerazione la fase lunare al momento del concepimento e ci hanno aggiunto il loro amore per la matematica, verificando se i due valori indicati sopra (età e data) erano pari o dispari.

Sulla base di questo è stata creata una tabella che è molto simile a quella cinese e si calcola nello stesso modo.

Devi incrociare il mese del concepimento con la tua età a quell’epoca.

Per quanto riguarda le mie bimbe, anche qui, ne avrebbe azzeccata 1 su 2.

10. Ascolta il battito cardiaco del piccolo

Premessa: il cuore di un feto corre molto più veloce del nostro.

Il battito è regolare quando è compreso tra le 120 e e le 160 pulsazioni al minuto.

Durante l’ecografia ascolta il confortante suono del cuore del tuo cucciolo.

Arriva ai 140 battiti al minuto? Stai aspettando una patatina.

Se si ferma sui 120 battiti è, invece, molto probabilmente un pisellino.

11. Fai il test del cavolo rosso

Metti a bollire un cavolo rosso e tieni da parte l’acqua di cottura.

Aggiungi qualche goccia della tua pipì e osserva il colore in cui si trasforma la tua miscela.

È diventata porpora o comunque tendente al viola? Sarà un bimbo.

Se, invece, è rosa sarà una bimba.

12. Preferisci dolce o salato?

I cibi che prediligi in questo periodo così importante sembra che siano influenzati dal sesso del piccolo che porti in grembo.

Pensi sempre a qualcosa di salato come pizza, pane, focaccia, crackers?

È altamente probabile che sarà un maschio.

Non per smontare anche questa teoria, ma io sempre prediletto il salato e... indovina un po’?

Due femmine!

13. Il metodo dell’aglio

Questo test richiede che tu sia un’amante dell’aglio perché è abbastanza impegnativo.

Mangia uno spicchio d’aglio così, al naturale e vedi cosa succede...

Fai fatica a digerire e la tua pelle rilascia una fastidiosa puzza?

Sei incinta di un bambino.

14. Nausee mattutine

Ci sono donne più fortunate che non sanno nemmeno che cosa siano le nausee gravidiche e altre, come me, che invece le conoscono molto bene.

Be', questo potrebbe essere un segnale per capire cosa ti porterà la cicogna.

Soffri tanto di nausee? Stai aspettando una bambina!

15. Tieni d’occhio i peli delle gambe

Stai notando un aumento importante della peluria dei tuoi arti inferiori?

Potrebbe essere il maggior testosterone che circola nel tuo corpo.

Perché? Perché sei incinta di un maschio!

Ok, qui si ferma questa rassegna sui metodi più bizzarri per determinare il sesso del tuo nascituro.

Che dici? Ne proverai almeno uno?

Fammi sapere se ha azzeccato il sesso del tuo cucciolo! 

Sei pronta a prenderti cura della tua pelle e a difenderla dalle smagliature?

Scarica gratis il diario di gravidanza

  • 42 settimane di consigli pratici
  • simpatiche immagini metaforiche per darti un'idea delle dimensioni del tuo pargolo
  • spazi liberi per annotazioni preziose e riflessioni personali, da rileggere con il tuo piccolo

♥♥♥♥♥ - La uso da oltre 10 settimane e nessuna smagliatura

Ho scelto Pancina perché è una crema antismagliature specifica per gravidanza, che protegge il nascituro da sostanze dannose (come i derivati dei petrolati, presenti in tante creme). La mia pelle molto elastica e idratata, vellutata al tocco. Non ho mai sofferto di smagliature ma temevo che la gravidanza potesse creare uno shock all'elasticità della pelle. La uso da oltre 10 settimane e fino ad ora (25 settimana) non ho riscontrato alcuna smagliatura. Per ora, sta facendo il suo lavoro!

profile-pic
Anna Paola, 25 sett.
Impiegata, Napoli

♥♥♥♥♥ - ZERO SMAGLIATURE

Ho iniziato ad applicare Pancina appena scoperto la mia gravidanza e il risultato è una pelle molto elastica, idratata per molto tempo dopo l'applicazione e zero smagliature. Consiglio vivamente Pancina

profile-pic
Monica, 35 sett.
Casalinga (Maddaloni)

♥♥♥♥ - Buonissimo odore

Come da recensioni lette, la crema si assorbe subito e ha un buonissimo odore

profile-pic
Elisabetta
Casalinga (Palermo)

♥♥♥♥♥ - La consiglio anche a chi non è in gravidanza.

Ho scelto pancina perché ancor prima della gravidanza avevo spesso fastidi di prurito, ho la pelle molto sensibile e non riuscivo a trovare un prodotto giusto. Il prurito di cui soffrivo è sparito, la pelle risulta elastica, idratata e non ho più rossori.

profile-pic
Antonella, 28 sett.
Studentessa (Taranto)

Note sull'autore

Sara Biancalana

Mamma appassionata e prima tester di Pancina in gravidanza. Perché per la mia pelle voglio il meglio.

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}
>